Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Logo Regione Emilia Romagna
Sezioni
Tu sei qui: Home Interventi di protezione civile: extraregionali ed esteri Missione nello Sri Lanka

Missione nello Sri Lanka

26 dicembre 2004: una tragedia di proporzioni epocali si verifica nel Sud Est Asiatico. L’onda anomala generata da un sisma di 8,9 gradi Richter al largo dell’isola di Sumatra sviluppa onde alte oltre 15 metri che si abbattono soprattutto sulle coste di Indonesia, India, Sri Lanka, Maldive, provocando morte e distruzione,
Immediata scatta la mobilitazione dei Governi nazionali e la straordinaria gara di solidarietà dei cittadini. La Protezione Civile italiana in uno scenario senza precedenti organizza subito forze di pronto intervento. Nel quadro della macchina dei soccorsi coordinati dal Governo italiano e dal Dipartimento della Protezione Civile nella prima fase di emergenza, la Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna si è immediatamente attivata per l’accoglienza dei cittadini emiliano-romagnoli provenienti dalle zone colpite dal maremoto, allestendo presso gli aeroporti di Fiumicino, Malpensa e Linate, centri di assistenza e servizi di trasporto per il rientro a casa, in collaborazione con il volontariato di Protezione Civile, la Croce Rossa, l’ANPAs, il 118 regionale; ed inviando nello Sri Lanka oltre 6 tonnellate di materiale sanitario.
Un’apposita cabina di regia - costituitasi in gennaio tra gli Assessorati regionali alla Protezione Civile, alla Sanità, alle Politiche Sociali, nonché i Comuni e le Province dell’Emilia-Romagna - ha individuato, nelle settimane successive al maremoto, un programma prioritario di interventi per convogliare i fondi raccolti da Enti Locali ed associazioni verso progetti di ricostruzione, riattivazione di strutture essenziali danneggiate - quali impianti idrici-fognari - assistenza socio-sanitaria, attività di protezione civile, sostegno alle famiglie e rilancio delle attività produttive distrutte.
Dal 12 al 20 marzo del 2005, la Cabina di regia organizza un missione nello Sri Lanka, cui partecipano l’Ing. Demetrio Egidi, responsabile della Protezione Civile regionale nonchè funzionari degli Assessorati regionali alla Sanità ed alla Cooperazione Internazionale, e di alcune Province emiliano-romagnole.
Una settimana fitta di sopralluoghi nelle zone più colpite dalla tragedia (Kinnya, Ichichilampatti, Galle), di incontri con le autorità locali, l’Ambasciata italiana, gli operatori del Dipartimento italiano della Protezione Civile, i rappresentanti delle Organizzazioni Non Governative e delle maggiori organizzazioni internazionali, al fine di verificare sul posto la fattibilità dei progetti del sistema Emilia-Romagna e comprendere le reali esigenze delle popolazioni.

Allegati

Strumenti personali